Piano ferie: come si preparare la programmazione ferie?

Quando si avvicina il periodo estivo, ma non solo, una delle preoccupazioni principali di qualsiasi datore di lavoro è il piano ferie. La gestione delle ferie, infatti, è un’attività delicata, che deve tener conto di numerosi fattori, soprattutto quelli legali, per non rischiare di incorrere in sanzioni amministrative. Vediamo, dunque, come costruire la gestione ferie.

Ferie: cosa prevede la legge

La questione delle ferie del lavoratore è una cosa serie. Tanto seria che, fra le altre cose, se ne occupa persino la Costituzione italiana. In particolare, all’art. 36, dove stabilisce che:

«Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi».

Più nel dettaglio, però, è il Codice Civile, all’art. 2109 che definisce le ferie per il lavoratore:

«[Il lavoratore] ha anche diritto ad un periodo annuale di ferie retribuito, possibilmente continuativo, nel tempo che l’imprenditore stabilisce, tenuto conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del prestatore di lavoro. La durata di tale periodo è stabilita dalla legge [dalle norme corporative], dagli usi o secondo equità».

A stabilire la durata minima del periodo di ferie, è intervenuto l’art. 10 del D.Lgs. n. 66/2003, il quale sancisce che:

«Fermo restando quanto previsto dall’articolo 2109 del Codice civile, il prestatore di lavoro ha diritto a un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane. I contratti collettivi di lavoro possono stabilire condizioni di miglior favore».

Piano ferie: cosa deve fare il datore di lavoro

Stabiliti quelli che sono i diritti del lavoratore rispetto alle ferie, restano da definire i doveri del datore di lavoro in proposito. È suo compito, infatti, definire un piano ferie che ottemperi alle disposizione di legge, ma che tenga anche in considerazione le esigenze aziendali. La programmazione ferie, pertanto, è un’attività delicata, che richiede grande attenzione, perché ciascun lavoratore deve poter godere del proprio periodo minimo di ferie, ma, allo stesso tempo, le attività aziendali non devono risultare rallentate.

Quando realizzare la programmazione ferie

Non esiste un periodo esatto in cui realizzare la programmazione ferie. In gran parte, questo dipende dalle esigenze aziendali. In alcuni casi, le aziende chiedono ai propri dipendenti di definire il piano ferie già ad inizio anno e per i successivi dodici mesi. Chiaramente, questo tipo di richiesta non è facile da ottemperare, specialmente nel caso delle piccole e medie imprese, chiamate a rispondere alle esigenze del mercato con notevole flessibilità. In questi casi, spesso, le imprese organizzano un piano ferie invernale e un piano ferie estivo, così da consentire una più semplice organizzazione ai dipendenti. In ogni caso, per evitare difficoltà, è necessario prepararsi con un adeguato anticipo rispetto alle ferie stesse.

Come organizzare il piano ferie

Quando ci si appresta a preparare il piano ferie, chiaramente, si possono adottare diverse strategie. Nelle realtà più piccole, per esempio, c’è chi ancora si affida a carta e penna o, addirittura, ad accordi in forma verbale. Un metodo che, chiaramente, non si sposa con realtà imprenditoriali più importanti, che contemplano un maggior numero di dipendenti e, dunque, una maggiore complessità di programmazione ferie.

Molti, pertanto, si affidano a programmi come Microsoft Excel, che consente di preparare degli schemi abbastanza semplici, ma efficaci, per la corretta suddivisione dei turni di ferie. In rete, peraltro, sono disponibili numerosi modelli gratuiti, che consentono una facile gestione del piano ferie aziendale. Noi, vi sottoponiamo questo modello excel piano ferie, che ci pare essere funzionale e di semplice utilizzo. Inoltre, un piano ferie come questo, consente di avere sempre sotto controllo le ferie di ciascun dipendente.

In ultimo, esistono anche software gestionali che offrono la possibilità di gestire il personale in ogni aspetto, compreso quello delle ferie.

Adesso siete pronti a preparare il piano ferie della vostra azienda. Voi quale metodo adottate?

Condividi sui social: Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter