Finanziamenti agevolati: come fare impresa con l’aiuto dello Stato

In un momento di forte difficoltà economica, i finanziamenti agevolati possono risultare una risorsa fondamentale per qualsiasi impresa. Per questa ragione, spesso, gli enti pubblici – dall’Unione europea fino ad arrivare ai Comuni, passando per il Governo – mettono spesso a disposizione risorse al fine di erogare prestiti agevolati utili a sostenere l’imprenditoria. In questo articolo, dunque, vediamo quali sono i principali finanziamenti agevolati alle imprese, così da potersi orientare nelle richieste.

Finanziamenti agevolati: quali sono e a chi sono rivolti

I finanziamenti agevolati, com’è facile intuire, sono prestiti a tasso agevolato erogati a determinati soggetti con l’obiettivo di sostenere l’impresa economica di cui sono responsabili oppure per garantire a questi l’accesso al mondo imprenditoriale. Va da sé che il finanziamento agevolato è diretto alle fasce più fragili della società: piccole e medie imprese, per esempio, ma anche donne e giovani. Andiamo a vedere, categoria per categoria, quali sono i prestiti erogati.

I finanziamenti agevolati alle imprese

Una prima categoria di prestiti agevolati sono quelli che riguardano le imprese. Nella fattispecie, i finanziamenti agevolati alle imprese sono numerosi e perseguono diversi obiettivi, che vanno dalla transizione verso il 4.0 alla transizione ecologica, passando per il rafforzamento delle imprese stesse.

Alcuni finanziamenti agevolati, come la cosiddetta “Nuova Sabatini”, riguardano l’acquisto di beni strumenti. Nella fattispecie, questa agevolazione del Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione delle micro, piccole e medie imprese di qualsiasi settore produttivo – escluse le attività finanziarie, assicurative, di esportazione e importazione – crediti per l’acquisto di impianti e macchinari, attrezzature industriali e commerciali, software e tecnologie digitali. Grazie alla “Nuova Sabatini” è possibile ottenere un finanziamento agevolato da parte delle banche e di intermediari convenzionati, anche per l’intero importo dell’investimento. Inoltre, è previsto un contributo da parte del Ministero che è rapportato agli interessi del finanziamento stesso. Infine, è prevista anche la garanzia del Fondo di garanzia per le piccole e media imprese, che copre fino all’80% del finanziamento, se di durata inferiore a cinque anni e con importo compreso fra 20 mila e 4 milioni di euro. Con la “Nuova Sabatini” è previsto un tasso di interesse annuo del 2,75% per gli investimenti ordinari, mentre diventa del 3,575% per investimenti in tecnologie verso il 4.0.

Altri finanziamenti agevolati imprese, poi, sono diretti a favorire il consolidamento o la nascita di nuova società cooperative. È il caso della cosiddetta “Nuova Marcora”, la quale prevede che le società cooperative di produzione e lavoro sociali possano beneficiare del finanziamento. Con questo prestito agevolato alle imprese è possibile ricevere finanziamenti della durata non inferiore a tre anni e non superiore a 10 anni.

I finanziamenti agevolati alle imprese, comunque, sono innumerevoli. Per essere sempre aggiornati su di essi è possibile visitare il sito del Ministero dello Sviluppo Economico, che elenca tutte le misure di sostegno, i requisiti e le modalità di partecipazione.

I finanziamenti agevolati per l’imprenditoria femminile

Una particolare misura di sostegno sono i finanziamenti agevolati per l’imprenditoria femminile. Com’è noto, in Italia l’accesso al mondo del lavoro è mediamente più difficile per le donne. Non a caso, nei ruoli apicali ancora oggi sono presenti più uomini che donne e anche nelle retribuzioni sussiste un divario a seconda del genere. Per questo, gli enti pubblici erogano finanziamenti agevolati al fine di favorire l’imprenditoria femminile.

Un finanziamento agevolato di questo genere è quello offerto da Invitalia, “ON – Oltre nuove imprese a tasso zero”. Questa misura, rivolta oltre che alle donne anche ai giovani dai 18 ai 35 anni, consente di ottenere un contributo a fondo perduto per progetti con spesa fino a 3 milioni di euro e consente di coprire fino al 90% delle spese totali ammissibili.

Finanziamenti agevolati per giovani imprenditori

Un’altra categoria particolarmente fragile, verso cui gli enti pubblici erogano numerosi contributi agevolati sono i giovani imprenditori. Fra i finanziamenti agevolati per i giovani imprenditori, come visto, ci sono quelli di Invitalia, ma non solo. Un’altra forma di finanziamento agevolato è il prestito d’onore, una forma di prestito particolare. Esso, infatti, viene concesso a idee di impresa messe a concorso fra loro.

Questa forma di finanziamento viene concessa da Invitalia a giovani studenti, per il pagamento delle tasse universitarie, giovani che vogliano avviare un’impresa o un’attività autonoma, con un fondo perduto che può arrivare fino al 10% della somma erogata, oppure a giovani che vogliano aprire un franchising.

Insomma, nel mondo dell’imprenditoria vi sono innumerevoli finanziamenti che possono aiutare a costruire un posto di lavoro oppure a consolidare quello già esistente. Non resta che prendere al volo le opportunità offerte.

Condividi sui social: Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter